Azienda agricola

Una Storia di Tradizioni

Una produzione biologica attenta alla salute del suolo e alla salvaguardia della biodiversità

La tenuta di Spannocchia ha una lunga tradizione agricola che risale ai tempi della Mezzadria: una forma di contratto agricolo risalente ai tempi medievali che ha prevalso in Toscana fino al secondo dopoguerra e che prevedeva la divisione del raccolto tra proprierario terriero e contadino.

Dopo la fine della mezzadria ed un relativo periodi di parziale abbandono delle pratiche agricole, negli anni 90 a Spannocchia è ripartito un grosso progetto di recupero agricolo che ha visto fin degli inizi un forte interesse per l’ambiente e la sostenibilità, come dimostra anche la certificazione biologica ICEA già a partire dal 1994.

Oggi la sua produzione va ben oltre i requisiti minimi per la certificazione, infatti viene data particolare attenzione nella preservazione del suolo, del paesaggio, delle risorse naturali e della biodiversità, attraverso pratiche agronomiche rispettose e talvolta sperimentali, quali l’adesione agli allevamenti etici, la permacultura, il recupero delle acque di scarto tramite fito-depurazione, il solare ed altri.

 

vendita diretta dei nostri prodotti tutti i giorni dalle 8 alle 20 in stagione turistica, per info su prodotti e orari chiamare 0577 752601

Spannocchia mantiene la sua natura storica di borgo multifunzionale e autosufficiente, diversificando le sue attività in tante piccole produzioni che servono per la maggior parte a soddisfare il consumo interno.

Tra queste ci sono la produzione di Olio extra vergine d’oliva, il miele millefiori, la verdura e la frutta, il vino, la carne e le uova.  I due ettari e mezzo di vigna ci permettono di produrre un Rosso, Bianco e Rosato IGT biologici, un passito e di fare due distillati notevoli ,Grappa e Brandy, in collaborazione con la distilleria Nannoni.

l’allevamento

L’allevamento è uno di punti chiave della nostra attività agricola ed è stato sviluppato su più fronti. Fin dagli inizi negli anni 90 ci siamo impegnati, tramite un progetto denominato Arca di Noè, ad allevare razze di animali indigene ed in via di estinzione. Questo ci ha reso pionieri nell’allevamento di maiali di Cinta Senese (che alla fine degli anni 80 hanno rischiato la completa estinzione). Di volta in volta ci siamo cimentati con successo nell’allevamento di altre specie di animali come la mucca Calvana (una razza imparentata con la Chianina ma di mole inferiore e di maggiore adattabilità in montagna), degli asini Amiatini,  dei cavalli Monteruffolini, delle pecore Pomarancine o delle galline Valdarnesi. Tutti nostri allevamenti sono sempre stati tesi a ricercare quanto più possibile il benessere dell’animale. Gli animali a Spannocchia sono allevati allo stato brado, noi seguiamo da sempre gli standard biologici, ma non ci si limita a questo, infatti seguiamo anche le linee guida dell’agroecologia e dell’allevamento etico.

SALUMI

L’azienda, grazie anche alla prevalenza nel suo territorio della superficie boscata, si dedica dal 1994 all’allevamento brado e semibrado dei maiali di cinta senese.

L’alimentazione di questi splendidi suini, oltre a comprendere ghiande, tuberi, radici e castagne, viene integrata con cereali e legumi prodotti in azienda, o da aziende biologiche vicine e macinati settimanalmente nel mulino aziendale. Questo tipo di alimentazione dona alla carne una persistente sapidità e succulenza oltre a risultare più rossa e maggiormente gustosa rispetto alle altre carni suine.

Anche dal punto di vista dietetico questi animali hanno caratteristiche eccezionali. La cinta, rispetto alle razze più comunemente allevate, fornisce una carne con una maggiore concentrazione di acidi grassi insaturi, in particolare gli Omega 3, (associati alla diminuzione dei grassi nel sangue), e gli Omega 6 (dalla comprovata azione antitrombosi !).

Anche il lardo di cinta senese, rispetto a quello tradizionale, risulta essere molto più ricco di acido oleico (che contrasta il colesterolo), e di acidi grassi polinsaturi.

Dal 2005 la trasformazione dei salumi viene fatta direttamente in azienda, secondo la tradizione locale e le regole del biologico, senza aggiunta di nitriti e nitrati. La filiera corta con ciclo chiuso, dall’allevamento alla trasformazione, sono garanzia di controllo e qualità del prodotto in tutte le sue fasi. Un tempo quello del  Norcino era un mestiere vero e proprio, ora quasi scomparso con l’industrializzazione delle macellazioni. Piero Antichi , norcino e macellaio originario della Val d’Elsa ha trasmesso la sua esperienza e conoscenza della norcineria toscana al nostro Riccio, che a sua volta è diventato esperto nella trasformazione. Partito come un progetto per l’autoconsumo, in pochi anni, i salumi di Spannocchia si sono guadagnati una meritata fama e sono diventati un’eccellenza della Cinta Senese, riconosciuti ed apprezzati ovunque.

A Spannocchia produciamo più di 15 salumi differenti tra cui un eccezionale prosciutto Toscano di cinta senese stagionato 24 mesi, il profumatissimo lardo aromatizzato, l’originale crema di lardo “Rosmarina”, oltre ai tradizionali salame, capocollo, rigatino, gotino, mortadella senese, salsiccia, buristo, soppressata, finocchiona etc.

I salumi sono disponibili alla vendita in loco e potete scaricare qui il nostro listino prezzi.

.

il bosco

La tenuta di Spannocchia si estende per 444 ettari nella Riserva Naturale dell’Alta Val di Merse. Gran parte del suo territorio è boschivo e con prevalenza di piante autoctone quali leccio, corbezzolo, castagno, cerro, quercia, carpino,  il cui legno viene utilizzato come risorsa rinnovabile per il riscaldamento sia dell’acqua che degli ambienti della tenuta.

La legna prodotta a Spannocchia è frutto del taglio a ceduo matricinato, semplice o composto, e segue le linee guida del piano ventennale di gestione delle riserve Naturali toscane . Questo sistema colturale prevede di individuare delle piante matrici di seme, come ad esempio la ghianda e di metterle (tramite il diradamento delle piante, lo smacchiamento,il taglio delle chiome …) nella condizione migliore di spazio e di luce per crescere, accelerando così il processo di rinnovo del bosco e la biodiversità del sottobosco.  La legna raccolta che non vien utilizzata direttamente a Spannocchia, costituisce inoltre un’altra importante attività economica della tenuta.